mercoledì 26 agosto 2009

estate parte tre – un cocktail per il veterano

le serate estive attraggono fuori casa, nelle braccia fresche di mojiti, spritz e locali con luci simil-messicane, pure i veterani. nonostante un’età buona per spingere il passeggino, molti senza famiglia si ostinano a cercare il divertimento come lo cercavano quando nel passeggino potevano starci loro. io non sono tra quelli: senza famiglia sì, ma cacciatore di divertimenti non lo sono mai stato. sbadigliavo e avevo mal di schiena a 19 anni, figurati adesso. ogni tanto, però, mi piace ancora affacciarmi in quei locali all’aperto e scoprire che il numero di scoppiate e scoppiati come me si assottiglia e si disperde tra le nuove leve dove, se non sto attento, rischio di trovarmi in faccia un: “ma zio! cosa ci fai qui?” (colpa di qualche sorella che ha fatto razza molto presto).
comunque, se sono in ballo, ballo: una birra, la patatina col peperoncino, un’altra birretta, il pollo alla texana, un digestivo o forse due. poi, se per far vedere un po’ d’abbronzatura mi sbottono come califano e prendo freddo, la mattina seguente devo far colazione con caffè, imodium e due fette di limone.
come dice il mio amico pi, “son quelle serate che ogni tanto hai bisogno di fare per capire che non devi farle più”.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

Sapevo saresti rientrato carico e fecondo

Pi

metiu (desperate houseboy) ha detto...

fecondo me avevo bisogno di ferie ;)
baci
-m

ciku ha detto...

ma c'hai pure il petto villoso? (terza castroneria. ho concluso.)

mandorla ha detto...

ma in un giorno hai scritto 3 post??
ahahhaha
mi-ti-co.
Ciao Zio!;)

Melinda ha detto...

Saggio il tuo amico Pi, ci vuole l'età per ogni cosa :D

metiu (casalingo rimasterizzato) ha detto...

ciku, il giusto che fa impazzire le donne :)

mandorlì, triplete di post!
bau (sempre per la storia dello zio)
:)

mela, saggissimo! :)