lunedì 7 settembre 2009

piccoli randagismi

piccola città, domenica pomeriggio. può capitare di trascinarti sbadigliante in bicicletta per le campagne, coperto solo di una maglietta contesa ai peruviani alla bancarella, pantaloncini che metti per dormire e ciabatte infradito di fine stagione già pronte per i bidoni. quando, tutto d’un tratto, t’imbatti in un’amica che ti convince a un aperitivo nella mondanità del centro.
seduto sullo sgabello, ti senti osservato come sul palcoscenico. un modesto palcoscenico di provincia. lì per lì, c’hai quasi vergogna. poi, là per là, nella massa di poveretti e poverette in camicia bianca, polo viola firmata e scarpe da velina ti vien quasi da abbaiare ad alta voce. “bau!”. e fare orgogliosamente pipì sulla ruota della smart decappottabile.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

SEI UN MITO, GIURO CHE TI STIMO!
Eleonora

metiu (casalingo disperato) ha detto...

per così poco?
grazie grazie grazie!
bau :)